Tu sei qui

Lifestyle

ARCADE ET - ABITARE È VIVERE

redazione-it
446

5008

0

4
Italiano

Non c’è dubbio, è lei l’anima del suo negozio. Katharina E. Georges è arredatrice e non intende imporre il proprio gusto ai clienti ma aiutarli a trovare l’arredamento che esprime al meglio la loro personalità, il loro modo di essere e di vivere. Nel suo negozio “arcade et”, subito dietro l’arco sotto il quale nasce via Piave, si trovano mobili, tavoli, letti, poltrone, sedie, accessori d’arredamento, tessuti, tappeti, lampade … Sono oggetti di design esclusivo e dal carattere particolare che seducono l’occhio ma senza per questo rinunciare ad essere funzionali ed accoglienti.

MAGICO E INTERATTIVO: IL MERCATINO DI NATALE

Ritratto di Mavi
Mavi
360

5175

0

1
Italiano

Il conto alla rovescia e tutti gli eventi in città in attesa dei mercatini di Natale.

A SPASSO PER LE VIE DELLA CITTÁ

Ritratto di Mavi
Mavi
321

1287

0

5
Italiano

Alla scoperta di una Bolzano inedita insieme all'Associazione Cristallo

MUSEION, L'INSTALLAZIONE CONVINCE LA SIGNORA DELLE PULIZIE

Ritratto di Mavi
Mavi
279

1375

0

0
Italiano

La festa anni '80 di Goldschmied & Chiari finisce nella differenziata a pochi giorni dall'inaugurazione.

MOIRÉ – L’ENFANT TERRIBLE D’AVANTGARDE

redazione-it
419

1163

0

1
Italiano

La moda è sinonimo di tendenza. Ed è proprio la continua ricercatezza dei tessuti e degli stili, con uno sguardo attento al panorama della moda internazionale, che fa delle Boutiques Moiré - sono quattro nel triangolo tra piazza delle Erbe, vicolo dei Francescani e via Streiter - un punto d’incontro per gli amanti del fashion. Palais Moiré e Moiré Men, Heidi by Moiré, smartys Moiré e Moiré 360° Fashion Industry. Le migliori stoffe e i migliori marchi vengono selezionati personalmente dalla raffinata Irene Moschén, che ha fatto del buon gusto una missione.

IL VINO NELLA CITTÀ

redazione-it
740

1075

0

4
Italiano

Due occasioni imperdibili per gli appassionati di vino e di vini. Il 22 luglio la Sagra del Santa Maddalena e il 10 agosto Calici di Stelle. Città del vino o vino sin dentro la città? Forse, per Bolzano, è la seconda la definizione giusta. Basta guardare con un po’ di attenzione la mappa del capoluogo altoatesino per rendersi conto di una particolarità che ben pochi altri centri possono vantare. I vigneti sono ancora presenti all’interno del tessuto urbano.

IL BAGNO BIO-DINAMICO - Concorso di design

redazione-it
805

1365

0

3
Italiano

Un concorso di design per la progettazione della stanza da bagno per il viticoltore bio-dinamico. Ma cosa c’entra Bolzano? Al primo sguardo ben poco. Scavando un po’ però ci si arriva. Bolzano è una città con una lunga tradizione di viticultura. Vanta vini eccellenti, in primis i due autoctoni Lagrein e Santa Maddalena. E poi i viticoltori della zona sono da sempre molto attenti all’ambiente e ai metodi bio-dinamici. Questo da una parte. Dall’altra c’è che Bolzano è sede di una prestigiosa facoltà di Design e Arte, affermata a livello internazionale.

FISCHBÄNKE - UN MONDO A SÈ

redazione-it
353

1715

0

4
Italiano

“This is Fischbänke open-air emotion place” o “Ci vogliono molti anni per diventare giovani” Sono solo due dei tanti cartelli appesi sotto gli ombrelloni che costellano i Fischbänke, i banchi di marmo dove anni fa veniva pulito il pesce, e oggi al centro del bar open air ideato da Cobo, eccentrico globetrotter, per metà artista e filosofo, bonviveur e oste impeccabile. Il suo posto è unico. Ombrelloni cinesi, campanelli eolici che tintinnano nel vento e che si confondono con la musica jazz che fa da sottofondo a questo bar che collega via Streiter a piazza Erbe.

DESIGN IS A STATE OF MIND

redazione-it
636

1392

0

9
Italiano

Mostra al Museion fino al 6 settembre 2015

ANITA - L'ARTE DELLA BUONA CUCINA

redazione-it
363

1192

0

2
Italiano

Il Bar-Ristorante Anita in piazza Erbe venne aperto nel lontano 1963 da Marianne e Agostino Prousch, madre e padre di cinque figli, tra cui Anita e Aldina, che fin da piccole hanno contribuito al duro lavoro nel ristorante. Allora i locali non erano molti e la piazza contava ben il doppio delle bancarelle presenti oggi.

Pagine