11/18/2015 - 10:30am      10:30

Tu sei qui

CALDO E PICCANTE, IL MODELLO AI FORNELLI CHE INFIAMMA LA RETE


Ritratto di Mavi
Mavi
0

4699

0

2
Italiano

Davanti alla macchina fotografica è solo inizialmente un po’ impacciato. Poi si sbottona, letteralmente, e si diverte a creare scompiglio tra il personale della cucina posando in maniera molto più disinvolta. È un avvenente modello, baffi e barba ben curati, occhi verdi che si accendono quando parla di sapori e un viso già prestato alla pubblicità su giornali e alle fermate degli autobus. È il sogno segreto di chi torna a casa e vorrebbe ritrovarselo in cucina tra frutti di mare e un calice di vino. Lui è Stefano Cavada, ha 24 anni, ed è un food blogger, un modello, uno youtuber e, ovviamente, un cuoco appassionato.

Per poter esprimere al meglio la sua creatività e la passione per la cucina ha scelto un blog e la piattaforma di YouTube. Il suo canale, che ha già oltre 2400 iscritti, ha deciso di intitolarlo Beyond South Tyrol. Parte proprio dalla regionalità, dalla cultura e dalla tradizione della cucina altoatesina e rivisita le ricette con un tocco personale. Il format piace molto e il segreto lo svela lo stesso Stefano: «Non è un'enciclopedia di cucina, ma ricette di intrattenimento che guardi con piacere e che ti possono offrire delle idee nuove. Le videoricette sono brevi e sono anche visivamente belle, con un look cinematografico e le luci adatte. La mia cucina è essenziale, alla portata di tutti e all'insegna della semplicità. Offro anche un'alternativa se un ingrediente è di difficile reperimento».

Stefano è convinto che ci sia molto da mostrare e raccontare della gastronomia altoatesina e che un giovane appassionato può dare una nuova voce al territorio: «Grazie ad alcune collaborazioni locali sono riuscito a portare su YouTube la tradizione dell'Alto Adige, dandole però un tocco tutto mio. Pensando anche alla salute, quando possibile. Per esempio, quando ho provato a "depotenziare" lo strudel non ci sono riuscito, non si può fare in altro modo!», ride. Se del dolce alle mele non è possibile ottenere una variante più leggera, è andata meglio con i tirtlen, i ravioli di farina di segale ripieni di crauti: «Secondo la tradizione, i tirtlen sono di accompagnamento alle minestre e andrebbero fritti, io ho proposto una gustosa versione al forno».

Oltre canederli e spätzle. «Le ricette partono dallo studio ma mi faccio anche ispirare dal momento per poi elaborare una ricetta classica, qualcosa da infornare o un piatto più salutare...oppure approfondisco un trend del momento, come ad esempio il carbone vegetale, mi documento e vedo come lo posso sfruttare», racconta Stefano. Il giovane modello si presenta come un amico in Alto Adige di cui le persone si possono fidare.

Chi lo segue sui canali social spesso gli chiede consigli più disparati, dalla cucina a come curare la barba, o di raccontare le sue esperienze di vita all'estero. «Mi piace condividere dei frammenti di vita altoatesina, dare sfogo alla mia creatività e alla mia visione. Tanti ragazzi sono riusciti a scoprire dei sapori del territorio grazie alle mie ricette che prima non conoscevano» dice Stefano e aggiunge, ridendo: «Una sera mi è capitato di ricevere un messaggio di un mio follower che era a Bolzano e mi chiedeva dove andare a mangiare, mi sono ritrovato a dargli un consiglio sul momento, come ad un mio amico».


Sponsored ads


Search

Form di ricerca


Ultime Notizie


Latest Tweets