04/08/2017 - 2:32pm      14:32

Tu sei qui

L'AMORE FATALE: IL MALE OSCURO DI FEDRA


Ritratto di Mavi
Mavi
0

341

0

1
3.82
Overall rating
Luci
3.7
Testo
4.7
Costumi
3.5
Allestimento
3.7
Pubblico
3.5
Italiano

Una rivisitazione da applausi quella di Andrea De Rosa che ha portato in scena allo Stabile di Bolzano la celebre tragedia di Fedra, tratta dal testo di Seneca con estratti dall’Ippolito di Euripide e dalle Lettere dello stesso Seneca. Una rilettura incisiva che riporta con grande intensità tutto il pathos e la grandezza propria della tragedia. Uno spettacolo che avvolge lo spettatore e tiene incollati alle poltrone, mentre sul palcoscenico si dipana il dramma. L'amore devastante e la passione spasmodica e ingovernabile di Fedra per il figliastro Ippolito.

Fedra, interpretata da una straordinaria Laura Marinoni, è vittima del suo stesso sentimento. Un dolore infelice, un male che si nutre di se stesso e brucia dentro. "Non sono più padrona di me", eclama tra strazianti lamenti mentre urla e si contorce. Il giovane Ippolito (Fabrizio Falco) non ricambia il sentimento. Prova orrore per le tendenze incestuose, per questo "crimine osceno". Respinge la matrigna e da questo momento si consuma il dramma. In preda ad una passione violenta ed incontrollabile, Fedra porterà il figliastro alla morte, aizzando il desiderio di vendetta del marito Teseo nei confronti dell'innocente Ippolito.

Tutta l'azione scenica si svolge in un allestimento minimale quanto originale. Un cubo in plexiglas al centro della scena si fa metafora della pazzia che ingabbia. I personaggi si alternano in questo spazio, mentre la forza del dramma è resa dalla potenza della parola e dall'interpretazione d'eccellenza degli attori.

Lo spettacolo andrà in scena fino al 9 aprile al Teatro Comunale. 


Sponsored ads


Search

Form di ricerca


Ultime Notizie


Latest Tweets