11/16/2016 - 5:42pm      17:42

Tu sei qui

FRANZ ANTON VON KOFLER, UNA LEZIONE DI MODERNITÀ


Ritratto di Mavi
Mavi
0

605

0

4
Italiano

Può sembrare démodé e autocelebrativa una mostra personale dedicata ad un personaggio del passato e poco conosciuto. Ma ha senso quando le vicende di un singolo sono lo strumento e il pretesto per indagare un'epoca e ricostruire lo spirito di quel tempo. «Ricostruendo le vicende personali di Franz Anton von Kofler sono emersi, in maniera inaspettata, molti temi legati alle profonde trasformazioni di Bolzano sul finire dell'Ottocento, alle innovazioni e ai cambiamenti che contribuirono a segnare la vita urbana e l'economia della città», introduce così Andrea Bonoldi, professore e storico dell'economia, la nuova mostra temporanea inaugurata ieri al Museo Mercantile dal titolo "Fabbriche, castelli e modernità. Franz Anton von Kofler: un protagonista nella Bolzano dell'Ottocento".

In un periodo di crisi identitaria per Bolzano - che sembrava aver perso il suo ruolo di prestigio all'interno dei grandi flussi commerciali - proprio nella seconda metà del secolo un nuovo dinamismo si impossessa della sonnacchiosa città di provincia. Alcuni eventi cambiarono il volto di Bolzano e Franz von Kofler fu uno dei protagonisti di queste vicende. «Kofler è stato un imprenditore lungimirante e un precursore del suo periodo. Una figura affascinante e sicuramente non comune», ricorda Michl Ebner, Presidente della Camera di commercio di Bolzano. Innanzitutto la mostra celebra la figura di Franz Anton von Kofler quale primo Presidente della Camera di Commercio nel 1851. Ma non solo. In anni decisivi per lo sviluppo della città, Kofler fondò a Bolzano nel 1848 il cotonificio, la prima vera fabbrica intesa in senso moderno, rompendo un tabù radicato e l'avversione nei confronti della manifattura. Fu anche un attento e sensibile amante dell'arte e si occupò, con un approccio moderno e un'attenzione filologica, al recupero e alla valorizzatore di tre castelli, di cui uno di proprietà pubblica, in un periodo in cui non esisteva ancora un'istituzione destinata a questo scopo.

Una mostra, dunque, non solo di tipo biografico. «L'idea dell'esposizione è in linea con tutte le mostre allestite all'interno del Museo Mercantile che intendono mettere in risalto personalità importanti legate al territorio e degne di approfondimento storico», commenta Elisabetta Carnielli, collaboratrice del Museo.

La mostra raccoglie materiale inedito, dipinti e oggetti ma anche documenti preziosi di prestatori pubblici e collezionisti privati. L'esposizione rimarrà aperta al pubblico fino al 31 ottobre 2017 dal lunedì al sabato dalle ore 10.00 alle ore 12.30.

Per maggiori informazioni:

Museo Mercantile della Camera di commercio

Via Portici 39, Bolzano

Tel. 0471 945 530, e-mail: mm@camcom.bz.it


Sponsored ads


Search

Form di ricerca


Ultime Notizie


Latest Tweets