11/07/2016 - 5:15pm      17:15

Tu sei qui

"LA PELLE DELL'ORSO": UN'AVVENTURA TRA LE DOLOMITI


Ritratto di Mavi
Mavi
0

497

0

1
Italiano

È uscito qualche giorno fa nelle sale cinematografiche "La pelle dell'orso", l'esordio del regista documentarista Marco Segato. Un film di genere, un mix tra avventura e western, ambientato nel cuore delle Dolomiti. "La pelle dell'orso" è tratto dall'omonimo romanzo di Matteo Righetto (edito da Guanda Editore) e mette al centro della storia il rapporto, aspro e complicato, di un padre (Marco Paolini) che parla poco e beve molto con suo figlio adolescente (Leonardo Mason), cresciuto senza la madre e anche lui particolarmente taciturno. Nella cornice di valli, montagne e paesaggi incantevoli si inserisce la vicenda che vede padre e figlio protagonisti: una scommessa da vincere e un orso chiamato "il diavolo" da cacciare.

«L'idea del film è nata un paio d'anni fa. Mi sono imbattuto nel romanzo di Matteo Righetto per caso e mentre leggevo ho iniziato a immaginare le Dolomiti», racconta il regista durante un incontro al Film Club. Rispetto al romanzo di formazione da cui è tratto, Segato precisa: «Il film è molto diverso dal libro, anche se mantiene alcuni elementi come il rapporto molto forte tra padre e figlio, la scommessa e la caccia all'orso e il tentativo dei due di riavvicinarsi. Tutti elementi che mi avevano colpito nel romanzo. Ma, d'altra parte, il film se ne distacca molto, prendendosi delle libertà nel costruire nuovi personaggi e cambiando completamente il finale».

Segato riesce a riportare sullo schermo i silenzi della montagna e i piccoli dettagli di boschi e valli all'ombra delle Dolomiti. Insieme alla direttrice della fotografia Daria D'Antonio, il regista ripropone i paesaggi in modo naturale e senza troppi artifici. «Insieme a Daria avevamo immaginato un lavoro dove la natura fosse uno dei protagonisti. Il mio spirito documentario mi ha permesso di immaginare come raccontare la montagna, ma non volevo che il mio approccio diventasse punitivo per un racconto fantastico. Abbiamo elaborato una serie di piccoli accorgimenti soprattutto nelle scene notturne o girate negli interni, privilegiando sempre la luce naturale».

"La pelle dell'orso" sarà proiettato al Film Club di Bolzano fino al 15 novembre. Per informazioni www.filmclub.it


Sponsored ads


Search

Form di ricerca


Ultime Notizie


Latest Tweets