04/19/2016 - 4:20pm      16:20

Tu sei qui

UN MONDO DI ORCHIDEE A GARGAZZONE


redazione-it
0

1281

0

7
Italiano

Già i nomi ci fanno sognare terre esotiche e lontane. Si chiamano Falenopsis, Stenopea, Toluminia Jairak, Colmanara Massai, Rhynchostilis o Dracula.

Le piante fioriscono in diversi momenti dell’anno, fiori piccoli o grandi, coloratissimi o bianchi. Alcuni profumano sempre, alcuni solo quando stanno al sole, altri per niente. Il loro habitat sarebbe l’Asia o il Sudamerica, ma anche in Alto Adige non stanno per niente male.

Sono tanti anni che Valtl Raffeiner si è specializzato nella coltivazione di questi fiori particolari. Fino a pochi anni fa di un tipo solo, il più venduto, cioè la Falenopsis. La sua passione per le orchidee e il fatto che sua figlia Barbara si è specializzata in citogenetica hanno portato alla creazione del Mondo delle Orchidee. All’inizio è stata un’idea di marketing. Quali altri tipi di orchidee potrebbero essere adatti alla vendita in Alto Adige? Barbara ha sperimentato più di 300 tipi secondo questo criterio. Non tutte le piante coltivate risultavano infatti compatibili con la vendita. Ma che fare con tutte le piante ormai coltivate e in ottima salute? Buttarle di certo no! Piantarle in un ambiente e rendere la loro bellezza accessibile ad un pubblico numeroso? Perché no? Per passare dalle parole ai fatti ci sono voluti più di due anni fino a quando,lo scorso 12 marzo, il “Mondo delle Orchidee” è stato inaugurato.

L’orchidea è una pianta strana. Non ha bisogno di terra, le sue radici sono all’aria, difatti fa parte della famiglia degli epofiti. Ha bisogno di un’altra pianta, non per vivere da parassita, ma semplicemente per attaccarsi. Ed ecco le orchidee di Raffeiner attaccate a tronchi di vecchi meli, a penzolare da cesti fissati al soffitto o a sostenersi su grate di legno o di ferro. Hanno bisogno di tanta umidità e di temperature che non devono mai scendere sotto i dieci gradi. Per il resto non sono per niente delicate.

Ogni mattina alle otto si accende l’impianto di irrigazione. Nella giungla che ha creato Valtl Raffeiner a Gargazzone crescono anche ficus, palme e cactus. Un ruscello artificiale che finisce in un laghetto porta ulteriore umidità che si stabilizza attorno al 70%. In estate la temperatura nella grande serra è sempre di qualche grado inferiore alla temperatura all’esterno. Non sembrerebbe, ma l’orchidea è una pianta ideale da balcone, per esempio legata ad una grata. L’importante è evitarle il sole diretto e portarla in casa prima che le temperature scendono sotto la fatidica soglia dei dieci gradi. Per il resto, spruzzare acqua tutti i giorni e niente di più.

Dentro la serra c’è un percorso guidato attraverso le piante. Ognuna con un cartellino che ne spiega nome, origine e particolarità. Farfalle svolazzano tra le orchidee e i bambini sono liberi di perdersi nella giungla. Ci sono liane per giocare a fare Tarzan, pesci da osservare, fiori da annusare e fuori dalla serra un bellissimo parco giochi. Un caffè bistro invita a riposare e chi si è appassionato alle orchidee durante la visita, può anche acquistare delle piante da portare a casa. Il “Mondo delle Orchidee” è anche spazio per feste, concerti, manifestazioni o mostre per tutti coloro che vogliono approfittare di questa meravigliosa cornice. Se chiediamo a Valtl Raffeiner qual’è la sua orchidea preferita, non sa rispondere. “Le amo tutte!”


Sponsored ads


Search

Form di ricerca


Ultime Notizie


Latest Tweets