02/26/2016 - 3:08pm      15:08

Tu sei qui

UN RITRATTO GROTTESCO DELLA SCUOLA ITALIANA


Ritratto di Mavi
Mavi
0

1107

0

3
4.30
Overall rating
ALLESTIMENTO
4.0
SOGGETTO
3.8
PUBBLICO
4.8
INTERPRETAZIONE
4.6
Italiano

Un altro successo di pubblico per la rassegna "La Grande Prosa" dello Stabile. Sala gremita per la prima serata di "La Scuola", lo spettacolo scritto da Domenico Starnone da cui è stata tratta la versione cinematografica con la regia di Daniele Luchetti. Sul palco, nei panni di un gruppo di professori di un istituto tecnico romano, un cast d'eccezione. Il protagonista Silvio Orlando interpreta il professore di lettere, l'unico a prendere a cuore le sorti di Cardini, il ragazzo più impertinente e indisciplinato della IV D. Gli altri professori saranno meno indulgenti. Insieme ad Orlando è l'insegnante di ragioneria Baccalauro, nella straordinaria interpretazione di Marina Massironi, a vivere con passione e interesse il suo lavoro. Gli scrutini di fine anno diventano l'espediente narrativo perfetto per creare un ritratto satirico, ma anche verosimile, del mondo della scuola. Partendo dalla sala professori allestita nella palestra dove tanfo e infiltrazioni rendono l'ambiente poco accogliente. A rendere l'atmosfera esilarante e a divertire è la natura di alcuni personaggi. Il preside che fa sfoggio di ignoranza, confondendo l'espressione in toto con totem o Giuliana per Giulietta della celebre tragedia shakespeariana; il professor Cirrotta, insegnante e ingegnere al contempo, alle prese con le studentesse nel vano tentativo di approcciarle; l'insegnante di arte che annaspa nel seguire tutte le classi assegnatele, con gli studenti catalogati nel suo registro insieme alle loro fototessere. E la frustrazione del professore di francese che deve insegnare Racine e Mallarmé a "ragazzi brufolosi che parlano male anche l'italiano". La farsa degli scrutini, dove si cambiano all'ultimo i voti e si promuove su suggerimento del preside, diventa l'occasione tra scenate isteriche, pettegolezzi e trovate comiche di interrogarsi sul ruolo di insegnanti. La scuola funziona solo per chi non ne ha bisogno, per i primi della classe sempre preparati a ripetere alla perfezione la lezione. Mentre la vera sfida è incoraggiare gli altri, partendo dalle cose che sanno fare. È il caso di Cardini, sempre presente sulla scena nei discorsi e nei racconti dei professori. Cardini che ogni volta che viene interrogato si rende disponibile a fare l'imitazione di una mosca è un creativo o un soggetto irrecuperabile?

Insieme a Silvio Orlando, sul palco anche Vittorio Ciorcalo, Roberto Citran, Marina Massironi, Roberto Nobile, Antonio Petrocelli e Maria Laura Rondanini. Lo spettacolo sarà in scena al Teatro Stabile fino a domenica 28.


Search

Form di ricerca


Ultime Notizie


Latest Tweets