09/06/2018 - 12:34pm      12:34

Tu sei qui

NOBILI STILLE: VELLUTATE, FRESCHE E STIMOLANTI


Renate Mumelter
0

112

0

1
Italiano

Le pendici immerse nella loro quiete abbracciano morbide la città, mentre ai loro piedi regna una frenetica operosità. I raggi del sole avvolgono in una luce calda i vigneti molto curati, assicurando così la giusta maturazione delle uve. Dopo Appiano e Caldaro, Bolzano è il terzo comune viticolo dell’Alto Adige in ordine di grandezza e una delle rare cittadine del vino in Europa.
 
Oltre 20 cantine private, insieme alla Cantina Bolzano gestita sotto forma di cooperativa, lavorano le uve trasformandole in S. Maddalena dalle note delicatamente fruttate o in Lagrein rosso intenso e vellutato.

Le uve Schiava per il S. Maddalena provengono dai vitigni sulle pendici a nord della città e quelle Lagrein dalla periferia e dal cuore cittadino intorno al Convento Muri Gries o da Castel Mareccio sulle passeggiate del Talvera.
 
Bolzano è una città vinicola dalla lunga tradizione, come testimoniano le tenute storiche e le profonde cantine al di sotto degli angusti edifici dei Portici, fulcro da cui è sorta la città. Il microclima all’interno di tali sotterranei è ideale per la conservazione del vino che, oggi, viene prodotto, stoccato e proposto in degustazione nei moderni impianti delle singole tenute e della Cantina Bolzano, da cui poi parte alla volta del resto del mondo.
 
Una degustazione guidata da uno specialista è un’esperienza davvero particolare. Tutto l’anno Bolzano organizza eventi interessanti sul tema del vino, quali visite alle cantine, degustazioni comparative guidate e assaggi nel corso di passeggiate sotto i Portici della città nella notte di S. Lorenzo. Non ultimo, numerosi studi hanno comprovato gli effetti benefici di questa bevanda.
 
Foto: Tiberio Sorvillo
 


Sponsored ads


Search

Form di ricerca


Ultime Notizie


Latest Tweets