06/05/2018 - 12:20pm      12:20

Tu sei qui

KAISERSCHMARRN, LA FRITTELLA “REALE”


Andreas Vicinanza
0

340

0

1
Italiano

Si narra che un giorno l’imperatore Francesco Giuseppe I. si fermò in una baita di montagna durante una battuta di caccia. Il proprietario gli servì un pranzo e Francesco Giuseppe rimase tanto impressionato dalla bontà del piatto servito che gli diede un nuovo nome: “Kaiserschmarrn”. “Kaiser” in tedesco significa imperatore e “Schmarrn” è una frittata.

Altre fonti invece collegano le origini di questa delizia a Elisabetta di Baviera, moglie di Francesco Giuseppe: In occasione del matrimonio di Elisabetta con l’imperatore, i cuochi crearono questo dolce, in origine dedicato a lei e chiamato “Kaiserinschmarrn” ("Kaiserin" significa imperatrice). Venne però apprezzato di più dal marito, e quindi fu cambiato il nome. Secondo altre versioni dei fatti questo piatto non è collegato ai nobili, ma ha le sue radici nella tradizione contadina.

Prelibatezza nata nell'allora Impero Austro-Ungerico, il Kaiserschmarrn (conosciuto pure come Kaiserschmarren) ha trovato diffusione anche in Alto Adige. Si tratta di un “parente” della crêpe e delle frittelle che può essere servito sia come piatto principale che come dessert, ed esistono molte variazioni. Offerto nelle tradizionali baite in montagna e nei ristoranti di città, il Kaiserschmarrn può essere considerato uno dei piatti tradizionali della cucina tedesca del luogo.

Gli ingredienti “classici” sono uova, farina, latte, zucchero e sale, che vengono cotti in pentola con il burro. Quando l’impasto acquisisce una tonalità dorata viene tagliata a straccetti e cosparsa con zucchero a velo. Il Kaiserschmarrn è spesso accompagnato da marmellata di ribes, salsa di mele o marmellata ai mirtilli. Vanno bene inoltre del cioccolato fuso oppure delle prugne, dell’uvetta o delle mandorle.


Sponsored ads


Search

Form di ricerca


Ultime Notizie


Latest Tweets