02/20/2018 - 10:19am      10:19

Tu sei qui

GAIA E CURON: L’UOMO E LA NATURA ALL’OPERA


Ritratto di Mavi
Mavi
0

310

0

5
Italiano

Uomo e natura. Un legame profondo e spesso conflittuale all’origine dell’arte. Un rapporto che fa da sfondo e accomuna le due opere di teatro musicale con cui prosegue la stagione d’opera della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento: Gaia del compositore altoatesino Hannes Kerschbaumer e Curon/Graun di OHT – Office For A sspsHuman Theatre di Rovereto. Entrambi i lavori sono stati selezionati dalla giuria internazionale presieduta da Eva Kleinitz e vincitori di OPER.A 20.21 FRINGE, il concorso bandito dalla Fondazione Haydn per valorizzare i talenti artistici dell’Euregio.

Il primo appuntamento a teatro è con Gaia, in scena al Comunale di Bolzano giovedì 22 e sabato 24 febbraio (ore 20). L’opera di Hannes Kerschbaumer, con i testi del poeta Raoul Schrott e di Gina Mattiello, è una riflessione sui disastri ambientali causati dall’uomo. Un’astronave ritorna dopo un lungo viaggio in orbita catapultata sulla Terra. L’unica sopravvissuta – l’astronauta – ritrova uno scenario desertificato e solamente sculture carbonizzate a rappresentare i ricordi umani. Come altri lavori di Kerschbaumer, Gaia presenta sonorità che spaziano dall’acustica all’elettronica. All’Orchestra Haydn è affidato il compito di ricreare musicalmente lo scenario apocalittico.

La riflessione sul paesaggio che cambia è anche alla base del lavoro condotto dal gruppo OHT - Office for a Human Theatre di Rovereto. L’impresa di Filippo Andreatta e Paola Villani, curatori del progetto, è stata quella di portare in scena la distruzione dell’abitato di Curon, in Val Venosta, in seguito alla costruzione di una diga negli anni Cinquanta. Non ci sono parole e personaggi in Curon. La forza dello spettacolo consiste nell’aver ricreato un paesaggio – il campanile della chiesa trecentesca che spunta dall’acqua – grazie ad una installazione video a cui fa da accompagnamento la musica del compositore estone Arvo Pärt eseguita dall’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento. Musica e immagini suggestive sono gli unici elementi scenici utilizzati per dare allo spettatore la visione del paesaggio che cambia e della sua storia, inserita in un contesto più umano. Curon/Graun di OHT andrà in scena venerdì 23 febbraio al Teatro Sociale di Trento.


Sponsored ads


Search

Form di ricerca


Ultime Notizie


Latest Tweets