02/09/2018 - 7:07pm      19:07

Tu sei qui

LUOGHI DELL'AMORE, IN CENTINAIA SUL "VALENTINE BUS"


Ritratto di Mavi
Mavi
0

257

0

5
Italiano

Se per le passate edizioni le tracce degli innamorati sono state ricercate tra le mura affrescate degli antichi manieri, la grande novità de "I luoghi dell'amore" di quest'anno è sicuramente la scoperta dei luoghi a cui è stata data una nuova identità. Quei luoghi che, dopo anni di oblio, sono stati restituiti alla città. La manifestazione organizzata alle porte di San Valentino dall'Azienda di soggiorno per celebrare con percorsi dedicati la festa degli innamorati si è fatta metafora - per la prima giornata dell'evento - di un viaggio che prende le mosse dalla storia della città e guarda al suo futuro. Un centinaio di partecipanti ha preso parte all'iniziativa. Molti gli affezionati alla manifestazione che con grande sorpresa sono saliti su un autobus dedicato per percorrere insieme a guide speciali le tappe del tour. A fare da guida Roberta Benatti, curatrice dell'evento, e il giornalista d'origine viennese Stefan Wallisch che non ha fatto mistero di una serie di aneddoti sulla sua personale storia d'amore con la città.

Ad accogliere i visitatori nella prima tappa del tour in Piazza Tribunale il quartetto di clarinetti del Conservatorio Monteverdi di Bolzano. Lo storico Andrea di Michele, tra i curatori del progetto di storicizzazione di Piazza Tribunale, ha illustrato il grande lavoro condotto nella piazza per contestualizzare il bassorilievo di Hans Piffrader, sulla facciata del Palazzo delle finanze, che raffigura una lunga storia per immagini dei successi del regime fascista, tra cui spicca Mussolini a cavallo. Sovrapposta alle imprese degli squadristi, alla marcia su Roma e alle sigle delle organizzazioni di partito che avrebbero dovuto trovare sede nel palazzo, la celebre scritta della sociologa tedesca Hannah Arendt che recita "Nessuno ha il diritto di obbedire". «Una frase senza dubbio efficace che lascia molto alla riflessione», ha commentato lo storico. Se la storia è parte integrante della nostra esistenza, come ha ricordato il giornalista Wallisch introducendo la tappa successiva, non poteva mancare in questo speciale itinerario il nuovo quartiere dell'innovazione sorto dove una volta aveva sede l'ex fabbrica di alluminio voluta da Mussolini. L'architetto Claudio Lucchin ha accompagnato i visitatori nel nuovo Noi Techpark, il parco tecnologico incubatore di imprese innovative orientate al futuro. «Uno spazio aperto alla città, che ognuno può frequentare per leggere, studiare». Ancora una parentesi musicale a cura della classe di Musica elettronica del Conservatorio e poi diretti verso l'ultima tappa: l'Alperia Tower. Con un suggestivo gioco di luci ricco di colori si è conclusa la prima giornata.

Gli appuntamenti con "I luoghi dell'amore" proseguono anche domani a partire dalle ore 10,30 nei luoghi del centro storico dove le storie di amori passati hanno lasciato le loro indelebili tracce. Si parte da piazza Walther per andare alla scoperta delle storie d'amore legate a Palais Campofranco e al Duomo. Un intermezzo musicale attende i partecipanti tra le mura di Castel Mareccio dove si esibirà l'ensemble d'archi del Conservatorio Monteverdi di Bolzano. Ultima, ma non certo meno incantevole, tappa la passeggiata e la cena sulla neve del comprensorio sciistico Reinswald.


Sponsored ads


Search

Form di ricerca


Ultime Notizie


Latest Tweets