11/28/2017 - 11:48am      11:48

Tu sei qui

INTORNO ALL'OPERA


redazione-it
0

236

0

2
Italiano

È uno dei compositori contemporanei più proficui dell’Austria ed il primo Artist in Residence della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento: Johannes Maria Staud si cimenta sempre in nuovi esperimenti con le sue produzioni musicali. Gli abbiamo chiesto del suo rapporto con l’Alto Adige, del nuovo progetto per l'Opera di Stato di Vienna e quale ruolo ha la cultura e l’arte contemporanea per la nostra regione.

Il suo impegno come Artist in Residence per l’Orchestra Haydn non è la sua prima esperienza in Alto Adige. Che cosa la lega alla nostra regione?

Nel 2008 ho scritto il pezzo cameristico Lagrein per la cantina altoatesina Alois Lageder. Durante la preparazione ho trascorso alcuni giorni nel vigneto e ho imparato molto sulla produzione del vino biodinamico. Un’esperienza interessante che ovviamente ha influenzato anche la mia composizione.

Al momento sta lavorando all’opera “Die Weiden” commissionata dall'Opera di Stato di Vienna. È una grande sfida scrivere per un'istituzione così prestigiosa?

Senza dubbio è bello notare che un’istituzione rinomata si interessa anche alla musica contemporanea. Il direttore generale e il direttore d’orchestra conoscevano la mia musica e ne erano entusiasti, cosi ho ottenuto l’incarico. Al momento sto componendo nuovamente insieme a Durs Grünbein e posso già rivelarvi che si tratterà di un pezzo molto politico.

I primi di dicembre avrà luogo a Bolzano il convegno “Arte – Identità – Regione” e il debutto dell’opera “Die Antilope”. Secondo la sua opinione, in che misura l'arte e la cultura possano essere la forza trainante di una regione?

Un compositore scrive, produce e conia attraverso la sua professione un’identità culturale. Anche se poi l'opera non verrà ascoltata da tutti, entrerà comunque a far parte di una sfera culturale e sociale. Soprattutto a Bolzano c'è fermento in ambito contemporaneo. C'è coraggio per le novità, avvengono scambi di idee e questo è sicuramente uno sviluppo positivo anche per la regione.

L'opera “Die Antilope“ di Johannes Maria Staud è in scena sabato 2 e domenica 3 dicembre al Teatro Comunale di Bolzano.
 
Info:
Fondazione Haydn
Via Gilm 1/a - Bolzano
T. 0471 975031
 
(di Elisabeth Stampfer - traduzione dal tedesco / Foto: Fondazione Haydn)

Sponsored ads


Search

Form di ricerca


Ultime Notizie


Latest Tweets