09/07/2017 - 4:27pm      16:27

Tu sei qui

UN CORTOMETRAGGIO PER RACCONTARE BOLZANO


Ritratto di Mavi
Mavi
0

285

0

2
Italiano

Una sfida artistica aperta a tutti per raccontare in modo originale la città di Bolzano. È il progetto "Bolzano in 48 ore", il contest cinematografico che vedrà protagonisti videomaker professionisti e non il 22 settembre. Videocamera – o anche cellulare – alla mano, i giovani e meno giovani sfidanti avranno a disposizione due sole giornate per realizzare un cortometraggio con protagonista la città di Bolzano. Le regole sono semplici e il concorso aperto a tutti, anche ai residenti fuori regione. I partecipanti avranno a disposizione solo due giorni per realizzare un prodotto finito, dalla scrittura fino alla post-produzione, inoltre i cortometraggi devono avere luogo all'interno dei confini di Bolzano e la durata compresa tra 1 e 8 minuti. «Un vero “pressure test” con il quale ogni artista può entrare in contatto con la propria capacità di immediatezza», spiega il regista Giuseppe Zampella, che cura insieme a Valentina Parisi e Lucia Invernizzi la direzione artistica del progetto.

La finalità, ha ribadito l'Assessore Sandro Repetto in occasione della conferenza stampa di presentazione, è quella di raccontare la città vera, non come appare a volte strumentalizzata sui social network: «Una modalità nuova per guardare la città e i suoi quartieri con occhio diverso. Chiediamo ai partecipanti di scovare e reinterpretare i luoghi e la città con la loro creatività e restituirci l’immagine autentica di Bolzano, la sua anima e le sue atmosfere, attraverso il loro corto». Un tipo di narrazione, dunque, che si allontana dall'immagine più turistica della città e che ne ricerca i luoghi nascosti, le storie non ancora raccontate. «Una narrazione – continua Zampella – che parte dalla consapevolezza che ogni storia ha origine in un luogo».

La sfida lanciata ai partecipanti è composta da tre indizi: un luogo in cui ambientare una scena, un oggetto e una battuta che devono comparire nella sceneggiatura. Questo anche per evitare che vengano utilizzati girati precedenti, specificano gli ideatori. Poche regole e grande spazio all'estro artistico. «Quello che più ci preme rispettare è la libertà creativa di ciascuno, che potrà realizzare qualcosa senza compromessi al di là del formato che verrà utilizzato», conclude Zampella.

Una giuria di eccezione è chiamata a valutare i progetti. Si è lavorato con cura per due anni per garantire un'edizione curata - la prima - che vede coinvolti professionisti del settore. Nella giuria, infatti, compaiono nomi di grande calibro artistico come la regista italiana Marina Spada, Alessandro Rossetto, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano e l'attrice di teatro, cinema e televisione Caterina Vertova.

I premi in palio sono tre. Il premio premio “Miglior Corto Bolzano in 48h” del valore di 1500 euro offerto dal Comune di Bolzano; il “Premio Miglior Corto Turistico”, assegnato dall’Azienda di Soggiorno e Turismo di Bolzano del valore di 1000 euro e infine un premio del valore di 1000 euro per un mentoring in ambito audiovisivo, assegnato da IDM Film Commission Alto Adige a un team locale. La gara avrà inizio venerdì 22 settembre alle ore 20.00 presso la sede della scuola di cinema Zelig e il limite per la consegna è domenica 24 settembre alle ore 20.00.

La scadenza per le iscrizioni è prolungata fino al 17 settembre. Per partecipare al contest è necessario iscriversi versando una quota di 50 euro. Il regolamento completo si trova sul sito www.bz48h.com. La premiazione è prevista sabato 7 ottobre (alle ore 20.30) presso il cinema Filmclub di Bolzano. “Bz in 48 ore” è un progetto del Comune di Bolzano, in collaborazione con Cooperativa 19, Azienda di Soggiorno e Turismo di Bolzano, Zelig School for Documentary, IDM Alto Adige, Filmclub e Kellerei Bozen.


Sponsored ads


Search

Form di ricerca


Ultime Notizie


Latest Tweets